King Arthur: il potere della spada.

Regia: Guy Ritchie - Anno: 2017


Incipit
Un orribile mostro: con occhi rosso sangue che brillano da quel teschio che ha per testa e una falce grande e pesante come arma. Tutte le notte il giovane Arthur sogna il proprio padre che viene ucciso da questa creatura. Tutti i giorni, nella Londra del VI secolo, Arthur si sveglia e cerca di sopravvivere. Un giorno però Arthur incontra il suo destino: estrae Excalibur.

Analisi del film
La struttura del viaggio dell’eroe* è stata sfruttata molto bene: la sceneggiatura riprende perfettamente tutti i passaggi che compongono questo schema e al tempo stesso, chi l’ha scritta è stato attento a non essere scontato. Altrettanto è stato bravo il regista ad interpretarla.

*Il viaggio dell’eroe: è una traccia, una guida, su cui strutturare un racconto.

Immagine tratta dal film

Oggettivamente
Film con un ritmo incalzante e che scorre fluido come l’acqua.

Soggettivamente
Un bel fantasy. Pretendevo un pelo di più da certe scene di combattimento o d’azione, ma va bene così.


Il mio giudizio: